locale - Cristiani Sarzana

di Sarzana
CHIESA EVANGELICA BATTISTA
Dio è Spirito e quelli che l'adorano, bisogna che l'adorino in spirito e verità
(Giov. 4, 24)
Vai ai contenuti

locale

documenti > storia
1852
A Sarzana viene arrestato, per il reato di propaganda protestante, il medico Daniele Mazzinghi; verrà processato, a porte chiuse, solonel gennaio 1853 e condannato a tre anni di prigione

1860
A Sarzana ed Arcola si formano due piccole comunità evangeliche a seguito dell'evangelizzazione delle Chiese Libere

1865 (mese di giugno)
da "Il Corriere del Golfo":
Ci viene raccontato il seguente fatto, raccomandandolo all'attenzione dei lettori: Il giorno 4 corrente moriva in Arcola suo paese natio la giovane Maria Agostinelli. Costei dopo che per esservi costretta dalla famiglia s'era fatta scrivere, malgrado la sua volontà, nella setta degli Evangelisti; visse una vita di sacrificii, quale è appunto quella a cui si interdice violentemente la libertà degli atti nelle pratiche del culto. Quel morbo pertanto che mai non perdona e non lascia l'uomo che quando s'è fatto cadavere si era impossessato di lei in seguito alle non interrotte sofferenze morali. Estenuata delle forze e accorgendosi della morte vicina domandò per un prete, perchè le recasse il sollievo dei moribondi.
Contesogli questo desiderio dalla famiglia, la Maria insistette inesorata, sicchè venuto di questo a conoscenza certo D. fiamberti e avviando che ne avrebbe trovato resistenza, quando è già, come è voce, non gli fosse stata fatta, per parte dei parenti, si portò il Viatico alla casa dell'ammalata scortato da sei carabinieri. Noi mentre non possiamo deplorare la cecità dei parenti i quali sul punto suggellavano col fatto dell'apostasia la loro libertà di coscienza, l'osarono disconoscere nella figlia, costringendola ad abbracciare una dottrina che le costò la vita, non possiamo a meno che di ricordare il prete D. Fiamberti che la ferma volontà della morente nel richiedere l'Eucarestia, le valea presso Dio quanto dieci Comunioni materialmente compite per cui non era necessario di menar tanto chiasso e chiamare la benemerita Arma ad intervenire in un atto che quanto pure, per convenienza fosse stato omesso, la moribonda fiancheggiata dalla sua volontà non si sarebbe presentata innanzi a Dio con meriti minori e meno accetti.



Via Cisa n. 5 - I Traversa (Località Olmo) 19038 Sarzana (SP)
localizzazione
Torna ai contenuti